Briziarelli

  • Nome cantina: Briziarelli 
  • Anno di fondazione: 1906 
  • Bottiglie prodotte: 150.000
  • Regione: Umbria
  • Indirizzo: Via Colle Allodole, 10 - 06031 Bevagna (PG)

Briziarelli: la storia

La cantina della famiglia Brinziarelli è situata sulla sommità di una collina nei pressi del borgo di Bevagna, in provincia di Perugia. L'edificio principale che ospita le cantine, i cui lavori di ristrutturazione e ampliamento risalgono al 2012, è molto moderno, curato ed accogliente.

L’azienda agricola inizia la sua attività nei primi anni del novecento, precisamente nel 1906 quando Pio Briziarelli, imprenditore locale (già proprietario delle famose Fornaci Briziarelli), uomo di cultura e dalle grandi idee, decide di investire nell’agricoltura, acquistando diversi ettari di terreno per destinarli alla coltivazione di ulivi, uva ed all’allevamento di capi di bestiame. L’azienda, generazione dopo generazione, resta di proprietà della stessa famiglia al punto che, nel 2000, gli eredi di Pio Brinziarelli decidono di allargare la produzione acquistando nuovi terreni nei pressi di Montefalco. Queste viti sono situate nella rinomata area vinicola del cosiddetto Sagrantino DOCG, una terra che richiama alla mente una vitivinicoltura di alta qualità. Nel 2003 viene inaugurato un nuovo impianto, mentre, nel 2006, la famiglia decide addirittura di aprire una seconda cantina in quanto lo stabile originario ormai non era più adatto ad una produzione di bottiglie in numero sempre più elevato. Nel 2012 la famiglia Briziarelli decide di dare il via ai lavori di costruzione di una nuova cantina così come la possiamo vedere oggi, moderna e accogliente, situata nel centro di 50 ettari di cui, ad oggi, 22 dedicati solo alla vite.

I vini della Cantina Briziarelli: 

l’Anthaia, vino che nasce da uve a bacca rossa non aromatiche e che si distingue per le marcate note croccanti di frutti di bosco quali fragolina selvatica, lamponi e ribes. Questo vino presenta fresche e delicate note floreali di ciclamino e fiori di ciliegio mentre, sul finale, può anche presentare un leggero sentore salmastro.

Il Montefalco Sagrantino, vino fruttato con un’elegante balsamicità, in cui i profumi di cuoio e sandalo con sentori lievi di incenso e polvere da sparo la fanno da padrone.

L’Affabile, prodotto con uve Sangiovese, Merlot, Cabernet Sauvignon: anche questo è un vino dallo spiccato profumo fruttato accompagnato da una leggera nota di violetta e che in bocca si manifesta fresco, rotondo ed equilibrato, con una lunga persistenza post-gustativa.